BOLLETTINO DEL SANTUARIO N.2 APRILE-GIUGNO 2019

Cari amici e lettori del Bollettino di Nostra Signora delle Rocche, siamo lieti di presentarvi, in sintesi, i contenuti del nuovo numero appena uscito!

Nella rubrica “L’angolo del Rettore”, p. Massimiliano Preseglio ci regala un articolo dal titolo particolarmente significativo: “Ascoltare la Croce di Cristo”. Il discorso di p. Massimiliano si sviluppa a partire dall’esperienza spirituale degli incontri di catechesi organizzati al Santuario in preparazione alla Santa Pasqua 2019, e volti ad approfondire il significato delle tre virtù teologali – Fede, Speranza, Carità – alla luce del mistero della Croce-resurrezione di Gesù. Nutrire la fede significa anche porre le domande in modo adeguato, cosi da ricevere le giuste risposte. La fede infatti non elimina i quesiti fondamentali sul senso della vita ma li inserisce nella giusta prospettiva e predispone, quindi, a ricevere le giuste risposte. I quesiti sul rapporto che intratteniamo con il mondo e con i nostri simili sono tutt’altro che inutili, ed anzi costituiscono una tappa fondamentale del nostro cammino di credenti.
La fede è un cammino che include tutta l’estensione e la varietà dei momenti che la costituiscono, comprese le situazioni difficili ed i momenti di prova a cui nessuno di noi è escluso a priori. In questo senso, nello spazio dedicato a “Le perle di Papa Francesco”, P. Marco Ermano ci presenta i contenuti dell’omelia tenuta dal Pontefice in Santa Marta il 9 Aprile di quest’anno. Prendendo spunto dalle scritture del giorno (ed in particolare da Numeri 21, 4-9), Francesco ripercorre in chiave psicologica e spirituale l’esperienza degli israeliti in fuga dall’Egitto: in questa prospettiva, all’entusiasmo e alla gioia iniziali, nei cuori dei figli di Israele subentrarono paura, insoddisfazione, fatica, scoramento. Quel che successe allora, ci dice Francesco, può succedere ora ad ognuno di noi: ed è per questo che occorre allenarsi ed impegnarsi a tener viva la virtù spirituale della speranza, perché le lamentele non portano da nessuna parte: ed anzi, tendono a formare una barriera invisibile che tende a fare del cuore umano un luogo impermeabile all’amore di Dio.
La vicenda del popolo ebraico nel deserto ritorna nell’articolo che Elena Silva, nello spazio dedicato alle “Figure bibliche”, ci presenta con la sua consueta abilità narrativa. In questo numero, infatti, Elena si dedica all’avventurosa storia di Mosè presente nell’Antico Testamento: Mosè è la figura in cui la missione si colloca ancora nel contesto della storia dei Patriarchi e dell’azione di Dio nella storia umana che, ricordandosi dell’alleanza con Abramo e Giacobbe, sceglie di intervenire a favore del suo popolo sofferente.
Nella rubrica “Padre Diego racconta…”, p. Diego Menoncin propone ai lettori la seconda parte dell’articolo “I Papi di san Paolo della Croce”. Attraverso il racconto di p. Diego, avvincente e pieno di preziose informazioni storiche, emergono due figure papali di grande importanza. La prima è quella di Papa Clemente XIV, pontefice legato a san Paolo della Croce attraverso un profondo rapporto di confidenza e stima. La seconda figura è quella di Papa Pio IX (canonizzato nel 2000 da Giovanni Paolo II), che fu il Pontefice che riconobbe ufficialmente la santità di san Paolo della Croce dichiarandolo prima beato (1 maggio 1853) e poi santo (29 giugno 1867).
Infine, nello spazio intitolato “Volti e parole”, Fabrizio Gualco ci propone la seconda e ultima parte del suo scritto dedicato al vescovo passionista Eugenio Bossilkov, martire in Bulgaria durante la dittatura comunista e beatificato da Giovanni Paolo II a Roma il 15 marzo 1998. In questa seconda ed ultima parte si compie la storia terrena di un uomo straordinario, che nel pensiero e nell’azione ha testimoniato la sua fede nel Signore e la sua fedeltà al Papa e alla Chiesa Cattolica. Un uomo al cui coraggio, in tempi di feroce persecuzione, molti hanno guardato per rimanere fedeli al Vangelo fino alla fine.
Ed infine, come cornice, le fotografie e le immagini che parlano delle iniziative, degli incontri, delle condivisioni che si svolgono al Santuario. A tutti voi, buona lettura!

.

.

.

.

Per chi ci seguisse via internet e volesse abbonarsi ecco i dati per poterlo fare:

C/C POSTALE N. 15051154 – INTESTATO A: IL SANTUARIO DI N.S. DELLE ROCCHE PERIODICO RELIGIOSO – CAUSALE: ABBONAMENTO AL BOLLETTINO

L’offerta minima consigliata è di 20 euro per un anno (4 numeri); con la vostra offerta contribuirete a finanziare sia il bollettino che le iniziative del Santuario.