BOLLETTINO DEL SANTUARIO N.4 OTTOBRE-DICEMBRE 2018

Cari amici,

come sempre siamo lieti di proporvi una sintesi del nuovo numero del Bollettino “Il Santuario di Nostra Signora delle Rocche”.

I contenuti di questo numero, uscito dalle stampe nel periodo natalizio, sono introdotti da un articolo del Rettore del Santuario, p. Massimiliano Preseglio, intitolato “Custodire nel Silenzio la gioia del Natale”. Si tratta di una riflessione sul rapporto fra il silenzio e la parola, contemplazione e azione, essere e fare sviluppata su note squisitamente mariane. E’ Maria, infatti, colei che indica la via essenziale per custodire la gioia del Natale: ed è sul suo esempio che la gioia natalizia può essere realmente condivisa con coloro che ci sono vicini, al di là della rumorosità e delle distrazioni della vita quotidiana. In questa prospettiva, l’invito che p. Massimiliano rivolge a tutti noi è quello di custodire il silenzio nel nostro cuore, affinché le parole, i gesti, le situazioni della nostra vita – a Natale ma non solo – possano essere orientati nel modo giusto, accordati alla Parola del Signore, resi capaci di bene, evitando così di nutrire parole vane, pensieri inutili, gesti disattenti.

Del silenzio come via privilegiata all’ascolto della parola di Dio parla anche l’articolo di p. Andrea Redaelli, dedicato alla spiritualità passionista e alla santità di san Paolo della Croce. Lo scritto di p. Andrea è intitolato “San Paolo della Croce e il silenzio”. La chiave più adeguata per aprire senza indugio la porta del cuore è il silenzio, sia interiore che esterno; in tal senso permettere alla tenerezza di Dio di operare in noi e attraverso di noi, significa tenere il cuore disponibile all’ascolto della sua parola. Non a caso san Paolo della Croce vede il silenzio come una chiave d’oro capace di aprire la porta del cuore umano sull’immensità divina che continuamente lo interpella.

Marco Ermano, nello spazio da lui curato (“Le perle di Papa Francesco”), ci porta nel cuore delle omelie tenute da papa Francesco a Casa Santa Marta. Questa volta p. Marco pone l’attenzione sugli insegnamenti e le riflessioni del Pontefice che ruotano attorno alle parole del Vangelo di Luca 11, 15-26, il passo in cui alcune persone accusano Gesù di aver scacciato un demonio per mezzo di Belzebù. Il fine del demonio è quello di distruggere l’opera di Dio attraverso la menzogna e la violenza. Da questo punto di vista la vita cristiana è una lotta necessaria, dove la disciplina sottoposta alla carità è una condizione quotidiana, che si rivela in un continuo esercizio di attenzione e discernimento rispetto a ciò che circola nel nostro cuore.

Ringraziando i tanti lettori affezionati alla sua rubrica ed accogliendo le loro benevole sollecitazioni, p. Diego Menoncin propone ancora una volta, per questo Santo Natale, nella rubrica “Padre Diego racconta…”, alcune sue note di viaggio nella terra di Gesù e Maria: quindi anche in questo numero ci intratterremo con lui presso la grotta di Betlemme e visiteremo Ain Karim, il luogo della Visitazione, dove avvenne l’incontro tra Elisabetta madre di Giovanni il Battista e Maria che portava Gesù nel grembo.

Per quanto riguarda lo spazio dedicato alle “Figure bibliche”, Elena Silva ci propone la seconda parte del suo studio sulla figura di Giacobbe. Il racconto di Elena converge sulla seconda parte della vita del grande patriarca: dalla costruzione a Betel di un nuovo altare al Signore (luogo in cui si era nascosto anni prima fuggendo da Esaù) alla sua vita nella regione di Gosen in Egitto per diciassette anni, fino al ritorno nella terra di Canaan -a Mamre – dove verrà sepolto con i suoi antenati.

Infine, nella sezione dedicata a “Volti e Parole”, curata da Fabrizio Gualco, troviamo la figura importantissima di Etty Hillesum, giovane donna olandese vittima dell’olocausto, considerata nella prospettiva data dai suoi diari, preziosissimo esempio di grande letteratura nonché testimonianza in presa diretta della tragedia della Shoa.

Buona lettura. E ancora, da tutti noi, un sincero augurio di buon Natale!

.

.

.

.

Per chi ci seguisse via internet e volesse abbonarsi ecco i dati per poterlo fare:

C/C POSTALE N. 15051154 – INTESTATO A: IL SANTUARIO DI N.S. DELLE ROCCHE PERIODICO RELIGIOSO – CAUSALE: ABBONAMENTO AL BOLLETTINO

L’offerta minima consigliata è di 20 euro per un anno (4 numeri); con la vostra offerta contribuirete a finanziare sia il bollettino che le iniziative del Santuario.